… SCARICARE LA
RIVISTA AGGIORNATA
IN FORMATO PDF

ANDARE AL DOWNLOAD

… ORDINARE
GRATUITAMENTE LA
RIVISTA ABOUT TRUST

ORDINARE

La miniera di sale di Berchtesgaden

Missione speciale nella miniera di sale

La miniera di sale di Berchtesgaden è l'unica attiva in Baviera. Un ambiente speciale che il tecnico di TÜV SÜD Karl Schneider visita una volta all'anno.

Foto Myrzik e Jarisch

I

primi raggi del sole illuminano la vetta del monte Watzmann con una luce sfolgorante quando Karl Schneider scende dalla macchina a Berchtesgaden, cittadina del sud della Germania. L'orologio del campanile indica le sette del mattino: è ancora buio, come è buio lo scenario alpino che si innalza dietro di lui. Solleva lo zaino con l'attrezzatura di misurazione e si infila il casco. "Il lavoro inizia presto in miniera", spiega. Come tecnico esperto in attività minerarie, ispeziona tutti i dispositivi elettrici presenti in questa miniera di sale. Poi diventa parte integrante della miniera, come dicono i minatori, mentre dimentica rapidamente se fuori è chiaro o buio, se è caldo o freddo, se il sole splende o se piove. All'interno della montagna c'è da 500 anni una gigantesca cupola di sale che si estende per circa quattro chilometri e mezzo di lunghezza tra le montagne per una larghezza di circa un chilometro e mezzo.

Una pesante e scricchiolante porta di legno si spalanca e Schneider si volta verso la luce. Nella sua attività dentro le viscere della terra sarà accompagnato da Josef Helmiger, un minatore esperto che lo guiderà attraverso il labirinto di tunnel e pozzi. "Non ho il permesso di andare da solo qui. Il pericolo di perdersi è alto", afferma Schneider. L'esperto di TÜV SÜD Industrie Service è stato per 20 anni responsabile di questa miniera. Mentre ispeziona per tre giorni l'equipaggiamento e le macchine, percorre circa 40 chilometri nel freddo dei tunnel, dove la temperatura è di circa 8 °C. Nei vari tratti della miniera l'aria cambia: a volte è limpida e fresca, altre è polverosa, a volte sa di muffa, a volte di minerale. Non è possibile sentire l'odore del sale, si può solo vederlo. Pervade la roccia come una rete metallica, i suoi cristalli scintillano tra gli strati di roccia, gesso e argilla.

Innumerevoli scalinate

Perché il sale possa essere estratto, le gallerie devono essere costruite utilizzando macchinari per lo scavo ed eseguendo opere di estrazione dell’acqua. La miniera è un enorme labirinto di passaggi e sorgenti d'acqua isolate. L'acqua viene utilizzata nei lavori in miniera ad una profondità di circa 100 metri per sciogliere il sale. Questo composto di sale ed acqua viene scaricato dalla montagna tramite pompe. A causa del sale disciolto si creano enormi cavità nella parte superiore di questa particolare montagna di sale, che viene poi convogliato verso le saline di Bad Reichenhall, a 25 chilometri di distanza, dove viene trattato per diventare sale da cucina. Per inciso, la soluzione salina sarà poi verificata anche da Karl Schneider.

Schneider arranca per diversi chilometri nei tunnel sotterranei e tra le scalinate che portano verso il basso. "Prendo il lungo scivolo di legno - dice Schneider sorridendo - che termina 34 metri più in basso appoggiandosi con la sua tuta blu. Grazie a questi scivoli, i minatori possono muoversi più velocemente attraverso la montagna. In precedenza, i materiali estratti venivano trasportati su carrelli utilizzando questi percorsi. C'è odore di roccia fresca, l'acqua scorre da qualche parte all’interno della montagna, e da lontano si sente il rumore dei macchinari utilizzati per lo scavo.

Le vene salate brillano nella montagna. Nelle gallerie, Schneider esamina come sono collocati i trasformatori, le imponenti macchine per lo scavo e la distribuzione dei percorsi, indispensabili per estrarre il sale, così come i chilometri di cavo appoggiati lungo le pareti rocciose che attraversano tutta la montagna. "Con un simile sistema sotterraneo un cortocircuito o un incendio sarebbero fatali. Ecco perché occorre prestare molta attenzione alla sicurezza", spiega il nostro esperto. Dopo tutto, la miniera di sale di Berchtesgaden accoglie 400.000 visitatori all'anno. Questo obbliga a che le vie di fuga siano adeguatamente illuminate, che l'impianto di scarico dei gas sia funzionante e che l'alimentazione di emergenza si avvii in caso di necessità. Tutto è ok: le misure di sicurezza sono rispettate proprio come dovrebbero essere, dice Schneider. I minatori che lo incontrano gli augurano "Buona fortuna!", Un saluto tipico tra i minatori tedeschi. L'ispezione della miniera è un progetto unico nel suo genere secondo il nostro esperto. Questa è l'unica azienda in Baviera che estrae sale da una miniera. Gli piace il contatto diretto con il sale. "È un vero alimento. Puoi graffiarlo direttamente dalla roccia ", afferma Schneider, che normalmente lavora in stabilimenti chimici. Dopo otto ore dentro la montagna, è venuto il momento per Karl Schneider di tornare in superficie.

Percorre una lunga scalinata e tortuosi sentieri sotterranei per arrivare rapidamente in superficie; per pochi minuti si sente solo il rumore dei suoi passi e del suo respiro pesante. Con il treno che sferraglia sui binari fa il giro della miniera assieme al suo compagno Josef Helmiger. Quando esce strizza gli occhi per la luce del sole. Quando era in miniera si era lasciato alle spalle quello che stava succedendo nel mondo.